La conducente del bus la pettina ogni mattina, il motivo vi lascerà senza parole

Una volta, c’erano sicuramente molte più storie da raccontarsi, avevamo molte più fonti che potevano fornirci dei racconti che riuscivano ancora ad incantarci. Sembra strano poter dire “una volta avevamo più fonti”, poiché al giorno d’oggi, con l’avvento di internet, potremmo davvero avere una miriade di fonti, ma sembra che quasi più a nessuno, interessino i racconti di vita vera. Quindi oggi, ci pensiamo noi a raccontarvi qualcosa di vero e di profondo, ma soprattutto, di commovente. Una storia che ha a che fare con una situazione quasi drammatica, ma nel profondo davvero bella, che ha come protagonista la conducente del bus.

La conducente del bus e la bambina orfana di madre

Questo racconto, vi toccherà sicuramente il cuore, come è accaduto a noi e potrebbe, cambiare la visione, della vita. Parliamo di una donna che si chiama Tracy Dean, ed è la conducente del bus di una scuola dello Utah, negli USA.

A prendere quell’autobus tutti i giorni per andare a scuola, c’è una bambina di nome Isabella Pieri, di 11 anni.

NON PERDERTI  Coronavirus: la Lombardia è al collasso, serve un ospedale nella fiera di Milano

Questa bambina, da pochi mesi è diventata orfana di madre.  Il padre della bambina, Philip Pieri, da quando non c’è più la moglie, non sa davvero come pettinare la figlia e fa molta fatica, nonostante il suo costante impegno.

Vi starete sicuramente chiedendo, che ruolo abbia, Tracy Dean in questa storia, dal primo giorno, questa conducente, si preoccupa di pettinare e acconciare i capelli di Isabella ogni giorno, al posto del padre.

Questa donna, ha preso molto a cuore la situazione di Isabella, tanto da occuparsi di lei, ogni mattina, nonostante quest’ultima non sia sua figlia. Philip Pieri, inizialmente, pensò bene di tagliare i capelli alla figlia, poiché era davvero difficile gestire un cumulo di ricci indomabili.

Ma grazie all’aiuto di Tracy, questo non è più un incubo e per Isabella, andare a scuola, è diventato un vero e proprio piacere.

Insomma, questa storia ci insegna due cose fondamentali, la prima è che dare il nostro aiuto al prossimo, può essere davvero importante, tanto da cambiargli la vita.

NON PERDERTI  Caffè in Capsule: un business letale con prodotti nocivi per l'uomo e l'ambiente

La seconda lezione è: non bisogna mai disperare nella vita, è sempre possibile incontrare qualcuno che è disposto ad aiutarci, anche senza alcun interesse.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *