Tumori: Scoperto legame con la dieta. E’ possibile farli morire di fame

Il tumore, è il male che ha colpito più persone negli ultimi trent’anni, la sua comparsa spesso sembra essere improvvisa, poi si rivela un lungo calvario da percorrere.

Sempre più persone, cercano di combattere questo male con l’aiuto delle nuove cure, ma soprattutto del sostegno da parte dei più cari. Si parla spesso di scoperte di cure miracolose per combattere il tumore, altre volte, ci si può adoperare per prevenire questo male attraverso dei piccoli accorgimenti.

Tumori: Scoperto legame con la dieta

Come ad esempio, l’alimentazione, parte fondamentale della prevenzione dei tumori, proprio perché l’80 % di essi, è dovuto proprio alla cattiva alimentazione condotta negli anni. Ma troviamo una nuova scoperta proprio in questo campo, grazie al dottor Saverio Minucci, professore di patologia generale all’università di Milano, con la collaborazione del direttore scientifico dell’Ifom di Milano.

Hanno scoperto che attraverso una dieta è possibile eliminare del tutto e quindi annientare le cellule tumorali malate.

NON PERDERTI  Tarassaco - il superfood dimenticato che distrugge cellule tumorali, rafforza le ossa e sfiamma l'intestino

E’ possibile farli morire di fame

Questa è una dieta che tende ad abbassare la glicemia con la somministrazione di un farmaco che uccide le cellule malate. Saverio Minucci, dichiara: “Nel nostro studio, riducendo il tasso glicemico con la dieta e con la somministrazione di metformina. Abbiamo inibito la plasticità metabolica e così abbiamo ucciso le cellule tumorali”.

Poi continua: “Grazie ad una dettagliata analisi funzionale a livello molecolare abbiamo scoperto che ciò che ammazza la cellula è l’attivazione della proteina Pp2a e del suo circuito molecolare”.

Insomma, è proprio grazie ad un complesso sistema molecolare che le cellule tumorali, muoiono e il paziente affetto da tumore guarisce lentamente. Attualmente, lo studio è in sperimentazione e ovviamente, bisognerà controllare la tollerabilità rispetto alla cura dei pazienti.

E’ ovvio che il tutto potrebbe essere davvero una grande scoperta nel caso in cui fosse tollerabile per i pazienti malati, ma noi siamo fiduciosi. Ancora una volta, la medicina italiana, si dimostra la numero uno nel suo campo, non solo in Europa, ma nel mondo