Ti stanno taggando su Instagram per la vincita di uno smartphone? È una truffa

Sul web ormai, sono tantissimi anni che vengono effettuate truffe costantemente, a qualsiasi fascia di pubblico, dal più piccolo ai più grandi, tramite acquisti di beni o servizi, ma addirittura anche attraverso richieste di conferme di dati bancari.

Negli ultimi mesi però, la truffa che più viene effettuata sui social, è una in particolare, principalmente si posiziona sulla piattaforma di instagram, dove ogni giorno, nascono migliaia di pagine con nomi particolari, ma con foto che fanno riferimento a smartphone di fama mondiale e negozi online come ad esempio amazon.

Fai attenzione se ti stanno taggando su Instagram per la vincita di uno smartphone

Eseguono la loro truffa partendo da un gesto semplice e che compiamo quasi quotidianamente, ovvero, caricando una fotografia, di un ipotetico contest, dove vi promettono in caso di vincita, in palio degli smartphone oppure con l’annuncio di vendite di questi ultimi, a prezzi troppo
vantaggiosi.

In realtà, il loro obiettivo, non è quello di farvi acquistare a prezzi stracciati questi prodotti, ma di farvi cliccare all’interno della descrizione, un link, che vi collegherà ad un modulo.

NON PERDERTI  Viaggiare sul mitico Oriente Express come negli anni 20 si può. Ecco come

Questo modulo è composto da vari spazi dove vi chiederanno di riempirli con informazioni strettamente private, tutto questo, per rubare dati sensibili.
Tra questi dati, a volte sono comprese anche richieste di numeri di carte di credito.

Questo nuovo metodo di truffa, è nato qualche anno fa in America, per poi lentamente, spostarsi e propagandarsi in ogni continente e stato del mondo.

Infatti è solo da qualche mese che in Italia è attiva questa pratica, ma bisogna davvero stare molto attenti, anche perché questi profili restano aperti in realtà, soltanto per qualche ora, giusto il tempo di raccogliere qualche dato sensibile da parte di qualche utente.

Infatti, in queste foto caricate, vengono spesso taggate persone a caso, senza un criterio e proprio su questo, gli agenti, stanno cercando di capire che tipo di manovra c’è, dietro questi tag, quasi misteriosi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *