Ritirato il disinfettante Neoxinal. Ecco perché

L’azienda Italiana del Farmaco, conosciuta anche nella sua tradizionale sigla: AIFA, si occupa di tutelare la salute dei cittadini, ma soprattutto, presta attenzione a qualsiasi tipo di segnalazione, riguardante qualsiasi farmaco, ovviamente, svolgendo delle ricerche.

Negli ultimi anni, sono stati banditi molti farmaci, soprattutto quelli destinati ai bambini, anche quest’anno ovviamente, arriva una nuova segnalazione.

Ritirato il disinfettante Neoxinal

L’AIFA, infatti ha disposto il divieto di uso e vendita, immediato, di un farmaco anche molto conosciuto: Neoxinal. Il Neoxinal, è un medicinale disinfettante e antisettico, molto usato in Italia, generalmente per la cura di ferite cutanee molto estese oppure ustioni.

La decisione è stata presa proprio dall’istituto superiore della sanità, dopo un lungo confronto con l’azienda che produce proprio il neoxinal: Nuova Farmec S.r.l., il ritiro del medicinale sul mercato non sarà definitivo.

Questo significa che, verranno ritirati soltanto dei numeri indefiniti di lotti, finché non ci sarà un richiamo e potranno tornare in vendita, in tutta sicurezza.

NON PERDERTI  Pompiere salva un cucciolo di canguro da un incendio in Australia, il video sta diventando virale

I motivi ad oggi restano quasi del tutto sconosciuti, è stato lo stesso presidente dello sportello dei diritti: Giovanni D’agata a parlare di questa circostanza, che ancora ci lascia un po’ perplessi.

Perché se ben ricordate, non è di certo la prima volta, che proprio questo farmaco, viene ritirato dal commercio, ma sarà, bensì la terza o quarta volta che accade.

Ad oggi, non ci è stata fornita una spiegazione, noi confidiamo nel fatto che forse, a creare danno, potrebbero essere soltanto i lotti che sono stati ritirati e perciò dovremmo soltanto aspettare che ne vengano distribuiti altri.

Il presidente Giovanni D’agata parla di “ritiro in via precauzionale”, perciò, non c’è da avere paura, ovviamente, se doveste possedere questo farmaco in casa, è sconsigliato l’utilizzo, soprattutto se fa parte di questi lotti: n. L0598D scad. 03/2023, n. L0599D scad. 03/2023, n. L0600D scad. 03/2023 e n. L0602D scad. 03/2023.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *