Plastica in spiaggia: la Puglia batte tutti con 2 anni di anticipo

La Puglia con 2 anni di anticipo sulla Direttiva Europea, diventa la prima regione a vietare la plastica in spiaggia.

Niente più plastica in spiaggia a partire da questa estate

Come previsto dall’ordinanza della Regione Puglia del 7 marzo, la misura scatterà dall’estate 2019. Vietando l’uso della plastica monouso a favore della plastica ecologica compostabile. L’Assessore Regionale al Bilancio con delega al demanio marittimo Raffaele Piemontese ha dichiarato sui social: “È un risultato prezioso per l’equilibrio futuro del nostro ambiente marino. La Puglia anche questa volta è all’avanguardia, vietando l’uso della plastica monouso a favore della plastica ecologica compostabile. Siamo la prima regione in Italia a rinunciare alla plastica in spiaggia per salvare la bellezza del nostro mare”.  Una scelta molto importante, un segnale molto forte che la Puglia lancia a tutto il resto del nostro territorio nazionale, per la salvaguardia del nostro litorale marino.

Il progetto è stato sposato e sottoscritto da tutti i gestori degli stabilimenti marini. Quindi a partire da quest’estate nei lidi pugliesi i contenitori monouso e stoviglie in plastica, verranno sostituiti con quelli in materiale compostabile. Solo per quanto riguarda il bando delle bottigliette in plastica, bisognerà aspettare ancora un pò, in quanto al momento è difficile trovare aziende che producono involucri compostabili.

NON PERDERTI  Questo medico cuce una copertina personalizzata per ogni bambino che fa venire al mondo

Puglia regione sempre più green

La Puglia si mostra ancora una volta come regione che pensa molto all’ambiente e diventa sempre più green. Infatti la regione aveva già favorito la diffusione delle ecofeste, per le quali ha messo a disposizione una dote di 250mila euro. Il contributo sarà concesso solo per eventi, sagre e feste patronali plastic free dove  dovranno essere utilizzate solo stoviglie lavabili, compostabili o biodegrabili.

Inoltre in alcuni comuni della regione è stato vietato anche il lancio palloncini in cielo. Un’abitudine frequente nelle feste, che servirà per evitare la dispersione di plastica nell’ambiente e per difendere gli animali dall’ingestione dei resti della plastica.