Non buttare i denti da latte di tuo figlio, un giorno potrebbero salvargli la vita

La medicina ha fatto tanti progressi negli anni, le scoperte fatte fino ad oggi fanno quasi accapponare la pelle, ovviamente non in tutto il mondo però c’è lo stesso progresso.
Questa è una cosa davvero triste, perché tutti dovrebbero poter avere l’opportunità di curarsi nel migliore dei modi e con gli stessi strumenti che adoperano i paesi benestanti.
Ad ogni modo, da quando è partita la scoperta delle cellule staminali, vi sono una serie di scoperte, effettuate una in seguito ad un’altra, che ci lasciano sempre senza parole.

Ecco perché bisogna conservare i denti “da latte” dei propri figli

Da oggi infatti, bisognerà conservare i denti “da latte” dei propri figli, perché da questi ultimi, si potranno ricavare le cellule per curarsi un domani da malattie che purtroppo sono sempre più ricorrenti.
Sono già nate delle vere e proprie banche dei denti, che conservano i denti dei nostri figli a circa -130 gradi centigradi, ovviamente il tutto è a pagamento.
I costi non sono di certo economici, c’è chi ha dovuto ricorrere ad un prestito o addirittura un mutuo bancario, ma nessuno di loro si è mai pentito della scelta compiuta.
Fino a poco tempo fa, si parlava soltanto della conservazione del cordone ombelicale, che una volta conservato, potevano ricavarsi le cellule per curare alcune delle malattie.
Da oggi, anche i denti, sono stati scoperti fonte di cellule staminali, ci sono tante testimonianze al riguardo.
Ad esempio, in Spagna, a Valencia, un uomo di circa 50 anni, nato da madre diabetica e di conseguenza diabetico anche lui, non ci ha pensato due volte, quando un suo amico medico gli ha rivelato la scoperta, a conservare i denti della sua amata figlia.
Dato che, la probabilità che anche sua figlia potrà essere diabetica un futuro, è davvero molto elevata, in più è stato scoperto che grazie a questi denti, sarà possibile ricavare l’insulina.
Un grande passo per la scienza e per la medicina, che sicuramente ci aiuterà ad affrontare il futuro con più speranze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *