L’intelligenza si eredita dalla madre. Lo dice la Scienza

E’ scientificamente dimostrato che sono le madri a trasmettere la propria intelligenza ai figli.

Studi scientifici dimostrano che l’intelligenza si eredita dalla madre

Il 40-60% dell’intelligenza viene ereditata. I bambini hanno maggiore probabilità che la loro intelligenza sia stata ereditata dai geni del cromosoma X che si trova nella madre.

La prova di tutto ciò è data da studi di laboratorio effettuati sui topi. Ebbene, i topi ai quali sono stati aggiunti geni materni, hanno sviluppato un corpo piccolo e un cervello grande.

Viceversa, i topi che hanno ricevuto geni paterni, hanno sviluppato un corpo più grande e un cervello più piccolo.

Nel corso dell’esperimento, si è evidenziato che le cellule dove si trovavano maggiori geni paterni si sono accumulate nelle aree incaricate a garantire la sopravvivenza e interessate a funzioni come il sesso, l’alimentazione e l’aggressività.

Non è stata trovata alcuna cellula paterna nella corteccia cerebrale dove sono sviluppate le funzioni cognitive, come l’intelligenza, il pensiero, il linguaggio e la pianificazione.

NON PERDERTI  Il potere delle candele: ecco qual è il loro significato

Altri studi hanno messo in evidenza che l’intelligenza non è solo un fattore di genetica. Sono il contatto fisico e l’approccio emotivo della madre con il proprio figlio che lo aiutano a sviluppare la propria intelligenza. In questo è importante anche la figura paterna.

Padre e madre sono fondamentali per uno sviluppo intellettivo del loro figlio.
La genetica non è tutto, perché l’ambiente e le influenze emotive dei primi mesi di vita sono determinanti per lo sviluppo emotivo, cognitivo, intellettivo del bambino.

La madre istintivamente svolge un ruolo fondamentale nello sviluppo intellettivo del bambino, perché entra immediatamente in simbiosi con lui, senza che nessuno le abbia spiegato come fare.
Le sue emozioni positive, e l’amore aiutano il figlio a crescere in un clima ideale che gli consente di crescere e sviluppare le proprie potenzialità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *