L’invidia di un amico è peggio dell’odio di un nemico

nonsolodonna 1

L’invidia è un sentimento negativo che provoca una profonda sofferenza da parte di chi lo prova, limitandone la realizzazione dei propri obiettivi. Quando a provare invidia è un amico, spesso è un duro colpo per chi viene a scoprirlo. Chi prova questo sentimento, è meglio che riesca a nasconderlo bene.

L’invidia di un amico è davvero terribile

E’ davvero terribile che la persona che considera l’amicizia sincera e che dimostra fiducia cieca, venga a scoprire questa amara verità.

Capita spesso che dopo un’amicizia durata tanti anni, accada qualcosa che la faccia finire. Ci si domanda perché, ma spesso non si trovano delle risposte.

Ebbene, quasi certamente, una delle due persone ha provato dell’invidia nei confronti dell’altra. Purtroppo, questo accade assai spesso.

Finché i due amici sono sostanzialmente sullo stesso livello sociale e hanno le loro piccole soddisfazioni, tutto sembra funzionare bene.

Quando, all’improvviso la vita di una delle due fa un salto di qualità, che può essere un posizione sociale migliore, un figlio che ottiene migliori risultati scolastici o semplicemente perché una delle due riceve degli apprezzamenti da parte di un corteggiatore, ecco che scatta l’invidia.

NON PERDERTI  Energie negative: hai la sensazione tutto vada storto? Ecco come verificarlo

Oggi l’egoismo è un sentimento molto diffuso che scatena l’invidia e anche chi si ritiene un’amica non vorrebbe mai che gli altri stessero meglio di lei.

Sono molto rare quelle persone che sono veramente felici per i successi altrui.

L’invidia è molto frequente e si manifesta in mille modi. La sua energia è negativa e chi ce l’ha non riesce a nasconderla.

Chi prova questo sentimento non vive in pace con se stesso poiché si sente sempre insoddisfatto.

Se ognuno di noi vivesse per se stesso e non paragonandosi agli altri la qualità di vita migliorerebbe e si vivrebbe felicemente senza provare sentimenti negativi nei confronti del prossimo.

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo sui social.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *