Uova. La dieta dell’uovo sodo: fa dimagrire fino a 10 kg in due settimane!

Sono in molte le persone che consigliano di non assumere molte uova. Perché fanno ingrassare e perché non fanno bene al fegato se assunte in quantità eccessive.

Sta popolando però la dieta dell’uovo sodo, Che serve per dimagrire in brevi tempi e in maniera efficace.

L’obiettivo della dieta dell’uovo sodo consiste nel dimagrire 11 kg in due settimane. L’alimentazione sarà particolare sotto vari punti di vista e non soltanto per via dell’uovo sodo. Infatti soprattutto nel momento del pranzo bisognerà mangiare frutta in quantità desiderate, e non fare un pranzo ‘normale’ sotto questo punto di vista.

La dieta dell’uovo sodo e perdi fino a 10 kg in due settimane!

A colazione possiamo assumere uova sode in libertà. Magari assieme alla frutta (soprattutto un pompelmo) o assumendo fette integrali tostate, che tolgono la fame e rendono soddisfatta la persona a dieta per lungo tempo.

Per quanto riguarda invece la cena, all’interno di questa dieta si consiglia soprattutto per la prima settimana di mangiare carne o pesce, dunque alimenti particolarmente proteici.

NON PERDERTI  Donna In Carne. Frequentarla rende gli uomini 10 volte più felici, lo dice la scienza

In linea generale va bene il pesce fresco oppure in scatola: consigliate, soprattutto per essere contenti dal punto di vista del gusto, anche le costolette di agnello oppure il pollo arrosto.

Questa non è un tipo di alimentazione che fa provare la fame o fa rimpiangere alcuni cibi: l’obiettivo è infatti diverso.

Assumiamo anche uova in camicia oppure uova bollite. In alcuni casi – soprattutto a pranzo – assumiamole insieme a della verdura per un effetto ottimale per le fibre.

Vanno bene gli spinaci saltati oppure le classiche insalate miste, preferibilmente composte in maniera principale dalla leggera e buona lattuga.

Vanno bene le verdure al vapore da accompagnare al nostro uovo sodo o in camicia, ma attenzione a non esagerare con le quantità delle uova: mangiamole ogni due giorni o facciamoci consigliare dal nutrizionista di riferimento, altrimenti (per quanto facciano bene) potremmo avere problemi.