Secondo gli psicologi l’ansia è il riflesso dell’intelligenza: ecco perché

Ci sono aree del cervello, ancora sconosciute a noi esseri umani, poi vi sono determinate patologie che malgrado siano molto presenti nella vita di circa il 70% degli esseri umani, continuano ad essere ignorate.

Spesso, vengono sottovalutate o peggio ancora, derise da coloro che pensano siano situazioni che non capiteranno mai a loro nella vita, perciò dettate da un malessere generale.

L’ansia è per molte persone una condizione invalidante

Prendiamo ad esempio l’ansia, una condizione, per molte persone invalidante, ma di cui non si parla molto e ci si informa ancora meno.

L’ansia è una sorta di riflesso della paura, ma si appropria della vita di un soggetto, senza lasciare più via d’uscita. A tutti è capitato di provare questa sensazione, almeno una volta nella vita, ma immaginate di vivere costantemente con questa sensazione, sarebbe un vero e proprio incubo.

Secondo il dottor David Barlow, colui che ha fondato il center for anxiety and related disorders, situata nella Boston University, ha dato vita ad un importante studio proprio basato sulla fonte dell’ansia.

NON PERDERTI  Sbagliare è un difetto comune, chiedere scusa è una virtù di pochi

Secondo la sua ricerca, l’ansia è sintomo di attività intellettuale, questo disturbo, secondo il dottor David Barlow, è generato da una forte consapevolezza dell’esistenza e della ragione dell’essere vivi.

Per questo, afferma che l’ansia, non è altro che uno spettro dell’intelligenza, una sorta di ombra, secondo cui, un soggetto che soffre d’ansia è più intelligente di un soggetto che non ne soffre.

Basta pensare che coloro che soffrono d’ansia, sono coloro che tendono a pensare molto di più, mentre chi vive di spensieratezza, è sicuramente un soggetto che poco si preoccupa nella vita.

Per cui, si può affermare che pensa di meno, colui che non ha mai sofferto d’ansia, a differenza di chi invece, pensa tanto e per cui soffre costantemente d’ansia.

Insomma, chi soffre d’ansia si preoccupa di tutto, comportando perciò una sorta di reazione a catena per cui l’ansia si presenta costantemente nella sua vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *