Medicinali a Rischio: Voltaren, Moment, Buscofen e altri 24 noti

Ci sono medicinali che tutti consumiamo abitualmente e che possiamo trovare addirittura in parafarmacia. Quando li prendiamo, non pensiamo neppure lontanamente agli effetti collaterali per via della loro grande diffusione e la frequenza con la quale molte persone li assumono.

In realtà anche questi farmaci così diffusi possono avere un lato negativo e possono essere assolutamente sconsigliati per una serie di ragioni.

Medicinali a rischio infarto: ecco quali sono

In questo caso parliamo di Voltaren, Moment e Buscofen, farmaci che vengono assunti con grande facilità, senza neppure la prescrizione medica.

Ciò avviene perché la maggioranza delle persone è ignara del pericolo. Infatti, secondo uno studio condotto recentemente, assumere spesso questi farmaci per ridurre mal di schiena, mal di testa o placare alcune infiammazioni, può aumentare il rischio di infarto.

Secondo infatti quanto emerso dopo uno studio di due ricercatrici dell’Università di Nottingham e poi pubblicato sulla rivista The Guardian, l’assunzione periodica e prolungata di questi farmaci può aumentare il rischio dell’infarto fino al 55%.

NON PERDERTI  Coronavirus, come pulire cellulari e smartphone. E usarli senza paura

In più, una cifra che molte persone, soprattutto se hanno già altri fattori di rischio come la familiarità o l’ipercolesterolemia, non possono permettersi.

Ad aumentare il rischio che in alcuni soggetti è già abbastanza alto è proprio l’ibuprofene, conosciuto come un principio attivo dalle grandissime proprietà analgesiche e antinfiammatorie, nonché antipiretiche, ma che nasconde anche un secondo volto.

Infatti le ricercatrici hanno osservato come le vittime di un attacco cardiaco avevano assunto questi farmaci nei mesi precedenti all’evento. Infine è apparso chiaro che chi aveva assunto ibuprofene o diclofenac aveva un rischio maggiore di incorrere in questo problema di salute.

Lo studio si è infatti concluso con un avviso, riguardante il fatto che una persona su 1000 di oltre 65 anni in Gran Bretagna avrà un infarto dovuto proprio all’assunzione di tali farmaci, che infatti non sono tanto innocui. La cifra è allarmante: consumiamo questi prodotti con moderazione.

Ecco la lista dei farmaci che contengono i principi attivi incriminati.

NON PERDERTI  Vivere vicino al mare è il segreto per essere felici, lo rivela uno studio

Subitene Momentdoll Arfen Brufen Antalfort Spidifen Sinifev Nurofen febbre e dolore bambini. Antalfebal bambini Actavis Ginenorm Cibalgina due fast Momentact. Moment Algofen Antalgil Calmine Buscofen Vicks flu-action Nurofast Fenadol Dealgic Deflamat Voltfast Algosenac Ribex flu.