Mano: hai questa cosa sul palmo? Potrebbe essere il Morbo di Dupuytren. Ecco di cosa si tratta

Osservi qualcosa di strano nel palmo della mano? Potrebbe essere il morbo di Dupuytren. Ecco di che si tratta e soprattutto, ecco cosa lo scatena. 

Il morbo di Dupuytren è una malattia che causa la curvatura della mano e delle dita. Spesso questo problema rende difficile la mobilità delle dita. Inoltre, porta alla formazione di vari noduli sul dorso della mano. 

Non è semplice stabilire la vera causa di questa malattia. Il primo fattore anche per incidenza è senza dubbio quello ereditario. Infatti, chi ha avuto un antenato con questo tipo di problematica ha senz’altro elevate probabilità di contrarla. 

Mano: attenzione a questi sintomi

Cosa provoca realmente questo problema? Certamente non stiamo parlando di semplici difficoltà o disturbi marginali. Con il tempo chi ne soffre potrà dire addio alla propria indipendenza. Tutto sarà difficile, anche il semplice portare alla bocca un bicchiere d’acqua.

Il morbo di Dupuytren attacca l’aponeurosi palmare. Si tratta di un foglio di tessuto connettivo e collagene che abbiamo sul dorso della mano. Le sue caratteristiche sono molto simili a quelle dei tendini, con cui condivide le stesse proprietà elastiche. 

NON PERDERTI  Combinazioni Alimentari Per Perdere Peso Senza Fare Troppi Sacrifici

L’aponeurosi palmare è immediatamente al di sopra dei muscoli della mano e dei vasi sanguigni. Per questa ragione il rischio in presenza di questa problematica è davvero molto elevato.  

Cosa provoca il morbo di Dupuytren?

Come abbiamo accennato, la patologia provoca la flessione costante del palmo della mano o di qualche dito. Rende impossibile la flessione delle dita e colpisce qualsiasi dito, compreso il pollice.

In alcuni casi colpisce una sola mano. Tuttavia, nell’80% dei casi, entrambe le mani presentano lo stesso problema, rendendo impossibile anche il minimo movimento. 

Dal punto di vista strettamente clinico si tratta di un tumore benigno. Per questa ragione, se guardiamo alla degenerazione della patologia, questo morbo può rivelarsi innocuo. In ogni caso i problemi che provoca non sono solo fastidiosi ma diventano invalidanti, perché rendono chi ne soffre dipendente dall’aiuto di qualcuno, anche per compiere gli atti più elementari. 

In generale questa malattia si manifesta tra i 50 e i 60 anni d’età. Nei giovani non è frequente, anche se esistono casi in cui il problema è sorto prepmaturamente rispetto alla media.