Coronavirus: Madrid mette a disposizione dei senzatetto un albergo e una pensione

Sembra ormai di trovarci invasi da notizie riguardanti il coronavirus, ma purtroppo è strettamente necessario informarsi su quanto sta accadendo, non solo in Italia, ma nel resto di tutto il mondo.

Come ben sappiamo, siamo costretti alla quarantena, non solo noi Italiani, ma tanti altri cittadini europei dato l’emergenza che sta ricoprendo gran parte del mondo.

Noi almeno, abbiamo un tetto sicuro dove ripararci, magari anche in compagnia della nostra famiglia, senza che ci manchi un pasto caldo.

Noi siamo molto fortunati, nonostante i sacrifici che comunque siamo costretti a fare per salvaguardare non solo la nostra salute, ma soprattutto quella dei nostri cari.

Tutto questo, seguendo sempre le linee guida che ci hanno imposto gli esperti per restare tranquilli.

Madrid mette a disposizione una pensione e un albergo per i senzatetto

Ma ci sono tantissime persone che non hanno questa possibilità, ad esempio, tutti quei senza tetto, che da giorni rischiano la loro vita.

NON PERDERTI  Patatine Fritte Croccanti. Il Segreto per averle come al Ristorante

A questo proposito, in Italia , nonostante le varie richieste di tenere aperte delle attività commerciali, dove poter ospitare dei senzatetto, questa risposta tarda ad arrivare, anche se per giuste cause.

Nel frattempo però, migliaia di clochard, vivono per strada senza poter prestare attenzione alla propria igiene.

In questi giorni, invece, a Madrid, sono già state prese delle misure, infatti, il governo, ha messo a disposizione Madrid un pensione e un albergo per i senzatetto,
Questo per permettere loro, non solo di dormire in un luogo sicuro, ma anche di poter prendere delle misure igieniche necessarie.

L’aiuto tempestivo, dato dallo stato Spagnolo, dovrebbe essere d’esempio a tutti noi, soprattutto al governo Italiano, che per il momento, ancora non ha preso alcuna misura.Noi ci auguriamo che queste persone, per il momento, riescano a non contagiarsi con il virus, nonostante le loro condizioni molto precarie.

Ad ogni modo, queste persone andrebbero aiutate tutto l’anno, sempre, non soltanto in un momento così delicato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *