La solitudine spesso è il passaggio che prelude ad una grande svolta nella vita

La solitudine è soltanto l’inizio di una nuova vita e di grandi novità, bisogna soltanto essere pronti ad accoglierla.

Vivere la solitudine, sicuramente non è facile, soprattutto per chi non è abituato a restare solo, qualcuno la vivrà come abbandono, altri tireranno un sospiro di sollievo, c’è chi invece è combattuto tra le due.

La solitudine non deve farci demoralizzare

Quando però arriva la solitudine è come se noi vivessimo sul palcoscenico di un teatro, la luce ad un tratto si spegne il sipario si chiude e restiamo soli, con lo sguardo verso il ricordo di ciò che abbiamo fatto, non possiamo far altro che gioire dei nostri successi e rafforzarci delle nostre sconfitte.

Vivere la solitudine è come se il bambino che vive ancora dentro di noi, ci fermasse per un attimo e chiedesse attenzioni. Ci fa notare tutto ciò che fino ad oggi, non abbiamo fatto per noi stessi, o ciò che fino ad oggi abbiamo fatto soltanto per gli altri, senza mai prestare attenzione alle nostre esigenze.

NON PERDERTI  Il tempo è un giudice molto saggio

Restare soli, serve tantissimo alle persone. Serve perché è come dare una pausa alla vita, è come darsi la possibilità di vivere una seconda volta, di guardarsi indietro e guardare avanti, riflettere su ciò che vorremmo fare in futuro e su ciò che vorremmo diventare, senza le pressioni di nessuno.

Quindi quando inizia la solitudine, non bisogna mai demoralizzarsi. Bisogna soltanto gioire perché per una volta abbiamo davvero tanto tempo a disposizione per prenderci cura di noi stessi, senza mai temere che qualcuno possa decidere quanto tempo dobbiamo occuparcene. Siamo noi a gestire la solitudine ed è un grande potere.

Siamo noi i registi della nostra vita e siamo noi che decidiamo quando inizia e quando finisce. Siamo noi che decidiamo quando fare una pausa e siamo noi che decidiamo quando rendere dinamiche le nostre avventure, ma soprattutto, con chi condividerle. Perciò, restare in solitudine, significa anche riflettere su chi c’è stato intorno fino ad oggi e comprendere se queste persone, sono adatte alla nostra vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *