Il sangue ci rende parenti ma è la lealtà a renderci famiglia

Essere una famiglia significa tanto, la parola stessa famiglia, ci trasporta in una dimensione accogliente e piena d’amore, peccato che non è sempre è così di fatto.

Avere una famiglia, non vuol dire solo avere legami di parentela con determinati soggetti, ma talvolta può significare avere delle persone a cui fare riferimento quando ne abbiamo bisogno. Essere legati a delle persone perché imparentate a noi, non fa di loro dei nostri “familiari” per forza, ciò significa che, non dobbiamo per forza essere in accordo con loro.

Vi sarà capitato, almeno una volta nella vita, di sentirvi obbligati dai vostri genitori a tenere determinati comportanti, anche forse solo per educazione, nei confronti degli zii o cugini.

Il sangue ci rende parenti ma è la lealtà a renderci famiglia.

Sappiate che questo non deve divenire un trauma, nessuno è obbligato a tenere rapporti di circostanza, soltanto perché richiesti o fanno piacere a qualcun altro.

Lo stesso vale per tutte le volte che ci siamo sentiti “inadeguati”, perché magari i nostri genitori si aspettavano da noi determinati comportamenti che però rispecchiano la loro persona.

NON PERDERTI  Non avere dubbi, un uomo innamorato si comporta così

Prima di tutto, è necessario che sappiate che il “carattere”, non si eredita al 100%, certo vi sarà sicuramente una forte componente, ma il carattere si forma attraverso le esperienze.

Se vi trovate in disaccordo con i vostri familiari, non vuol dire che ad essere sbagliati siete voi, qualche volta vuol dire semplicemente che la vostra personalità è diversa. Non bisogna assolutamente sentirsi in colpa per questo, ed essere una famiglia è diverso dall’essere tutti uguali.

Non per forza, voi sarete uguali ai vostri fratelli o ai vostri genitori, questo è un lavoro che dovranno fare i genitori però.

Ovvero, non far sentire inadeguati i propri figli, solo perché hanno una personalità diversa dalla nostra, con il tempo, svilupperanno dei loro pensieri e delle loro caratteristiche. Uguali o diverse da noi, senza che però, debbano per forza sentirsi diversi dalle circostanze in cui vivono e dall’ambiente che li circonda.

Essere una famiglia vuol dire anche accettarsi per come si è.