I semi che bloccano istantaneamente il mal di testa, rilassano i muscoli e abbassano la pressione

C’è sempre più bisogno di ricorrere ai rimedi naturali, perché più si va avanti più ci si rende conto della loro grande utilità. In questo caso parleremo delle numerose proprietà dei semi di zucca, davvero in grado di risolvere molti dei nostri problemi di salute.

Innanzitutto bisogna tenere in considerazione che la componente calorica dei semi di zucca è veramente scarsa, dunque si possono assumere anche se si sta seguendo una dieta.

I semi che bloccano istantaneamente il mal di testa, rilassano i muscoli e abbassano la pressione.

Sono composti prevalentemente da acqua. Grazie all’alto contenuto di fibre, conferiscono un grande senso di sazietà utile soprattutto se si sta seguendo una dieta e poi migliorano il transito intestinale.

I semi della zucca, grazie alle numerose vitamine tra cui la C e la E, rafforzano e migliorano il sistema immunitario. Sono per questo motivo indicati per i bambini, per gli anziani o per coloro che stanno guarendo dopo una malattia anche ‘sciocca’ come l’influenza.

NON PERDERTI  Insalata Diuretica che Sgonfia l’Addome, fa Espellere Liquidi e Brucia il Grasso

Quello che in pochi sanno è che i semi di zucca sono una vera mano santa contro il mal di testa. Circa la metà della popolazione soffre di mal di testa cronici o sporadici, e tutti almeno una volta avremo avuto quella sensazione alla testa. Ad esempio, tra i rimedi per questo fastidioso disturbo c’è la vitamina B12, che se assunta nelle giuste dosi può ridurre l’incidenza di emicrania del 30%.

Una dose da 200 mg di 5-HTP può risolvere il problema del mal di testa al risveglio, che è spesso causato da picchi bassi di serotonina. Grazie a questo composto che stimola la produzione di quest’ultima, il problema è risolto. Esporsi al sole è un altro modo di combattere l’emicrania.

Può essere la carenza di vitamina D3 a causare le fastidiose emicranie. Infine, assumere 80 grammi di semi di zucca ogni giorno può prevenire le cefalee, soprattutto quelle di tipo tensivo, ossia le più frequenti.