Coronavirus: Mattia mantiene la promessa fatta alla madre e si risveglia dal coma.

Qualsiasi esse siano, le storie che raccontiamo sul corona virus, sono tutte, senza eccezione alcuna, molto commoventi, questa volta, si parla proprio di una di queste storie.

Una storia che però , fortunatamente ha un bel lieto fine ed è sicuramente una delle più emozionanti e travolgenti mai raccontate prima.

Coronavirus: Mattia mantiene la promessa fatta alla madre e si risveglia dal coma

Il protagonista di questa storia è Mattia, uno studente di Cremona di 18 anni, il ragazzo, poco tempo fa, sviluppò tutti i sintomi da corona virus e subito dopo il tampone, risultò positivo.

Fu quasi un colpo per la madre Ombretta, ancora non pronta all’idea che il figlio dovesse iniziare una terapia così drastica come quella per il corona virus.

Così poco prima che Mattia fosse intubato e indotto in coma farmacologico, scrisse un messaggio davvero dolce alla propria mamma.

“Tra poco mi intubano, stai tranquilla, non ti lascerò sola, lotterò per te Davide e Anastasia”.
Queste furono le ultime parole prima delle cure di Mattia, che cercava di dare conforto alla madre che non poteva assisterlo in ospedale.

NON PERDERTI  Torna l'ora solare: ecco quando portare indietro le lancette

La madre, ci racconta di quanto quelle parole la commossero, di quanto si rese conto che suo figlio era davvero un piccolo grande uomo.

Un ragazzo davvero coraggioso Mattia, in quel messaggio parlava di Davide, il compagno della madre e di Anastasia, la sua sorellina morta durante il parto, cinque mesi prima.

Ora però, Mattia sta bene, ha terminato le sue cure e si è risvegliato, ovviamente è ancora sotto controllo in terapia intensiva, ma fra qualche giorno potrà essere trasferito e riabbracciare la madre.

Nel frattempo però, al suo risveglio, gli hanno permesso di fare una video chiamata con la madre per salutarla e per dimostrare a lei di aver mantenuto la promessa.

La madre Ombretta dichiara: “ Mattia è un guerriero, mi aveva promesso che c’è l’avrebbe fatta e ci è riuscito”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *