Coronavirus: I ragazzi scappati nella notte dalla zona rossa, hanno viaggiato con mezzi pubblici

Notizie sconvolgenti, riguardanti il corona virus, vengono ripetutamente trasmesse da telegiornali e siti web, ma pochi di loro, hanno raccontato di una fuga all’armante.

Domenica, 23 febbraio, da Codogno (zona ad alta contaminazione, tanto da essere stata denominata “zona rossa”), sono fuggiti una coppia di fratelli.

Coronavirus: I ragazzi scappati nella notte dalla zona rossa, hanno viaggiato con mezzi pubblici

I due, fratello e sorella, sarebbero fuggiti per tornare a casa, in Campania, nello specifico a Lauro, che si trova nei pressi di Avellino.
I due fratelli, per raggiungere Lauro, da Codogno, si sono spostati tramite dei trasporti pubblici, causando così il panico da parte di tutto il popolo.

I due fratelli, per il momento, sono risultati in salute, da un’equipe di medici, ma non sappiamo ancora per quanto tempo, il corona virus, resta incubato nelle persone.

Per questo motivo, spiegano le autorità, sarà necessario ripercorrere tutto il tragitto che hanno compiuto i due fratelli, per contattare coloro che sono stati a contatto con loro.

NON PERDERTI  Inventata a Bari la prima passerella per disabili che permette di fare il bagno in mare

La situazione ha scatenato non poco panico, infatti, sono stati messi in quarantena, tutto il condominio, dove risiedono i due fratelli, in via precauzionale.

L’azienda dei trasporti dell’Irpinia, ha disposto, una disinfestazione urgente, di tutti i mezzi di trasporto urbani ed extra urbani, a questa iniziativa, hanno preso parte, anche le aziende dei paesi vicini .

Anche a Napoli, avverrà una disinfestazione di tutti i mezzi di trasporto dell’ANM. Tutto questo, sempre in via precauzionale, ma soprattutto, per evitare che si semi il panico fra il popolo.

Nella zona rossa , già sono stati individuati scenari apocalittici, sembra che le città siano disabitate, ci raccontano.

Insomma, sperando che la situazione , al più presto si risolva, non bisogna allarmarsi troppo, anche se, sembra molto difficile.

Intanto i due fratelli, restano sotto osservazione ed in quarantena, proprio per capire se c’è rischio che possano contagiare anche altre persone e trasportare il virus dal nord Italia , fino al sud Italia.

vOvviamente, nulla viene dato per certo, ma considerando che il nostro paese è il terzo, nella classifica mondiale, per contagiati e vittime del corona virus, è ovvio che abbiamo tutti paura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *