Cenere del camino: non la gettate, non c’è nulla di più sbagliato. Scoprite perché

E’ inverno, non può sicuramente mancare il camino acceso. Soprattutto con l’avvicinarsi del Natale non fornisce soltanto il calore di cui abbiamo bisogno, ma offre anche la possibilità di dare vita ad un’atmosfera magica e davvero molto gradevole sotto ogni punto di vista. Ma lo sappiamo che la cenere del camino non va buttata ma conservata?
Possiamo infatti utilizzarla per tantissimi motivi differenti…

Non gettate la cenere del camino. Scopriamo perché

Innanzitutto la cenere del camino offre la possibilità di preparare in casa e molto rapidamente la lisciva, un detergente che ha molte proprietà.

Come preparare la lisciva:

Facciamo bollire 3 kg di cenere setacciata in 5 litri d’acqua per circa tre ore. Lasciamo riposare il composto, finché la cenere non si deposita sul fondo. A questo punto, con un mescolo preleviamo la parte acquosa del prodotto stando attenti a non muovere la cenere depositata sul fondo. Lasciamo riposare nuovamente il composto e ripetiamo l’operazione. Dopo di che filtriamo l’acqua di cottura della cenere attraverso un canovaccio e quando tutti i residui granulari saranno spariti potremo usare la nostra lisciva!

NON PERDERTI  Butti l'acqua di cottura della pasta? E' utilissima per molte cose. Ecco come riutilizzarla

Come usare la lisciva:

La lisciva di cenere possiamo paragonarla alla soda caustica. Infatti ha un enorme potere pulente:

– Possiamo aggiungerla (100 ml) nella vaschetta della lavatrice. 50 ml invece per il bucato a mano.

– per detergere tutte le superfici lavabili, in uno spruzzino inseriamo 50% di acqua, 50% di lisciva e qualche goccia di olio essenziale Tea Tree Oil. Avremo cosi un prodotto ad elevato potere pulente e disinfettante.

– La lisciva è ottima per la preparazione del sapone di casa.

Altri usi della cenere del camino

Inoltre, sempre per la casa, la cenere del camino può servire per far brillare l’acciaio. Basta mischiarla all’olio extravergine di oliva per avere il composto ideale per le superfici di questo tipo.

Per le incrostazioni di calcare può rivelarsi davvero una soluzione tra le migliori: non c’è bisogno di mescolare la cenere, basta soltanto metterla su una spugna per poi strofinare e risolvere il problema.

NON PERDERTI  La Vasellina 21 Soluzioni che non Conoscete con un Unico Prodotto

Mescolata all’acqua di cottura della pasta, la cenere del camino diventa un ottimo sgrassatore.

Inoltre può servire, se strofinata, per eliminare le tracce di etichetta dai barattoli.

Non è utile soltanto per le pulizie ma anche per eliminare ogni traccia di cattivo odore dalle coperte e dalle cucce dei nostri animali domestici..

Per il giardino la cenere diventa un’antilumaca naturale. Fantastica per chi vuole tenere lontani questi animali senza danneggiarli.

Infine può essere usata per facilitare lo scioglimento del ghiaccio dalle strade.

Quindi….. Prima di buttare la cenere del camino, pensiamoci più volte.