Combattere il cancro con l’alimentazione

Molte ricerche, hanno evidenziato quanto la dieta, influisca sul nostro corpo, ma in maniera più specifica sui nostri organi. Infatti, alcuni medici, sostengono che tramite la dieta, si possano prevenire i tumori.

Tra i vari sostenitori di questa teoria, abbiamo il Dr. Franco Berrino, epidemiologo, ed ex direttore del dipartimento di medicina preventiva e predittiva dell’Istituto nazionale dei tumori di Milano.

Il Dr. Berrino, su vari argomenti, ma soprattutto su questo argomento, ha scritto dei libri che descrivono in maniera approfondita, quanto la sua ricerca abbia messo in luce quanto la dieta possa influire sulle cellule tumorali.

In un intervista, dichiara: “Un altro fattore molto importante per la crescita delle cellule tumorali sono le infiammazioni, che è la principale difesa dell’organismo”.

Poi continua: “Quando ci feriamo, arrivano le cellule dell’infiammazione, si mangiano i microbi, aiutano ad espellere il corpo estraneo e producono delle sostanze chiamate: citochine infiammatorie, che comandano ai tessuti e alle cellule di proliferare per riparare la ferita”.

NON PERDERTI  Inquinamento. Birrificio sviluppa un imballaggio commestibile che nutre

“Dopo qualche giorno, sarà tornato tutto come prima, questa è una meravigliosa capacità rigenerativa del nostro organismo, ma quando c’è un tumore che stimola è diverso”.

“In alcuni casi infatti, le cellule riescono a mangiare il tumore, ma nel caso queste non riescano nel loro compito, producono queste sostanze di cui ne approfitta il tumore stesso”.

Insomma, si può dire che il tumore sia una “ferita che non può mai guarire”, poiché lui stesso, si nutre e cresce delle cellule che provano a riparare la ferita stessa.

Una dieta perfetta.

Per aiutare il nostro corpo quindi, a dare una mano a queste cellule a combattere un tumore, è stata perfettamente descritta dal dr. Berrino in un suo libro.

Infatti, lui stesso dichiara, che è necessario, che si riduca il consumo di carne, in particolare carne rossa, mentre è necessario consumare pesce, ricco di omega 3.

Riduciamo cibo animale, appunto ad esclusione del pesce, poiché il grasso del pesce sono i precursori delle prostaglandine antinfiammatorie, così da prevenire in maniera incredibile il tumore.