Angioma Rubino: Cause e Trattamento di Quei Puntini Rossi che ci Fanno Preoccupare

Oggi parliamo dell’angioma rubino, generalmente, non se ne parla molto e non fa notizia, ma in realtà è più importante di quanto si pensa.

Informarsi sulla natura, le cause e la prevenzione di questa presenza sul nostro corpo. Ma di cosa parliamo?

Angioma Rubino: Cause e Trattamento di Quei Puntini Rossi che ci Fanno Preoccupare.

L’angioma rubino, è molti simile ad un neo di colore rosso, si forma successivamente ad una proliferazione anomala di capillari sanguigni. Dunque possiamo dire che si tratta in particolare di un emangioma.

 

Questo puntino rosso, si forma in particolar modo, sulle persone che hanno una pelle molto chiara, troviamo una forma iniziale che ci ricorda parzialmente un neo, ma con il passare del tempo, questo puntino assume la forma di una cupola diventando sporgente.

Ovviamente, se notate la presenza di questi puntini rossi, meglio rivolgersi ad un medico di fiducia, quando compaiono copiosamente è necessario rivolgersi ad un medico, poiché possono provocare alterazioni della funzionalità epatica.

NON PERDERTI  6 abitudini di chi soffre di depressione nascosta

Possibili cause e rimedi per evitarlo

La causa vera e propria della comparsa di questo angioma, non è ancora chiara, tutta via, degli studi rilevano delle cause generali che possono portarci a capire il motivo della comparsa improvvisa di questi angiomi.
Innanzitutto tra le cause troviamo l’invecchiamento della pelle che con il tempo, sappiamo bene, che stimola la produzione incontrollabile di nuovi vasi sanguigni.

Spesso però, possono essere causati da un trauma. E’ possibile prevenirlo, il che ci aiuta moltissimo, grazie ad un regime alimentare pulito ed equilibrato, con aggiunta di abbondante frutta e verdura. Parliamo in particolare di carciofi e carote che aiutano a rinforzare il fegato e ad eliminare le tossine.

Importante per prevenire l’angioma rubino è eliminare o quanto meno ridurre l’uso di latticini ed è consigliabile sostituire il latte vaccino con quello vegetale. Ovviamente è importante anche ridurre o quasi minimizzare le ore di esposizione al sole o quanto meno, utilizzare una protezione solare elevata, per proteggersi in generale.